ANDIAMO A TEATRO

MANIFESTAZIONE PROVINCIALE DI TEATRO

La rassegna ha l’obiettivo di creare un format teatrale che abitui il pubblico a frequentare le sale teatrali del territorio, in particolare l’Auditorium Concordia di Pordenone, come importante contenitore di proposte teatrali diversificate di qualità ad un prezzo contenuto.

In un’epoca di solitudini ed isolamenti digitali il teatro rimane una delle poche manifestazioni vive, dove il confronto, il divertimento e l’emozione si nutrono della reale presenza degli attori in una condivisione collettiva con il pubblico, ma che sconta anche una minor popolarità e frequentazione, soprattutto da parte dei giovani, che disertano le sale teatrali ritenute spesso noiose o “troppo lente” in un mondo che corre frenetico attraverso la rete di internet.

Questa proposta invita il pubblico più largo, soprattutto i giovani, a scoprire come il teatro invece faccia bene alla mente ed all’anima e che una serata a teatro condivisa con gli altri possa aiutarci a comprendere di più noi stessi e la vita: ANDIAMO A TEATRO!

La rassegna autunnale sviluppa due momenti importanti del mese di novembre : la ricorrenza della vittoria della Prima Guerra Mondiale, che si celebra il 4 novembre, e la giornata internazionale contro la violenza alle donne del 25 novembre.

La prima parte, dedicata alla guerra, conclude il percorso drammaturgico di Bruna Braidotti che in questi 4 anni ha realizzato molti spettacoli specifici sui diversi aspetti che hanno investito la nostra società dal 1914 al 1918.

La secondo parte è dedicata a proposte contro la violenza alle donne con spettacoli diversificati che mettono in luce soprattutto gli aspetti di riscatto e di forza delle donne contro la violenza.


ANDIAMO A TEATRO

Auditorium Concordia - Pordenone

I lunedì di “Quel che resta della guerra”

Progetto regionale della Compagnia di Arti e Mestieri

 

lunedì 29 ottobre “Scemi di guerra” serale ore 20.45

Lo spettacolo è un itinerario teatrale e musicale sulla storia della Prima Guerra Mondiale e sui nosocomi sorti nelle retrovie per i feriti e per coloro che nelle trincee persero il senno, i cosiddetti scemi di guerra. Per la prima volta si presentava alla medicina la sindrome della nevrosi traumatica di cui aveva iniziato a parlare Freud e che accompagnerà da quel momento in poi tutte le guerre.

Compagnia di Arti e mestieri e Amici della Musica di Udine

lunedì 5 novembre “Tra due fuochi” ore11.00 per gli studenti e ore 20.45 in serale

Il percorso storico segue battaglie e vicende della guerra, in un allestimento originale e vivace, fra narrazioni, canti corali ed azioni teatrali. I racconti sono inframezzati dai dati che contestualizzano il momento storico e la situazione del nostro paese in quegli anni con l’accenno a quello che avrebbe riservato poi la storia nei decenni successivi all’Italia: una serie di dati non casuali che rivelano gli interessi di guerra, gli interessi superiori per cui si mandarono al massacro gli uomini.

Compagnia di Arti e Mestieri

lunedì 12 novembre “Ottimo ed abbondante” serale ore 20.45

Due soldati si raccontano, mentre cucinano delle patate, la storia di Maurizio Piovesato, chef di transatlantici che viene accaparrato da una squadra di zappatori nelle retrovie del fronte sulle valli del Natisone. Si apre un sipario buffo e comico su un altro aspetto delle vicende di guerra: l’alimentazione in trincea. Dipendeva, infatti, anche dall'abilità dei cuochi rendere meno pesante e penosa la vita durante gli appostamenti militari.

Compagnia di Arti e Mestieri

LA SCENA CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE

con la collaborazione del Comune di Pordenone

Assessorato alle Pari opportunità e carta di Pordenone

 

martedì 20 novembre “In qualunque posto mi trovi”

devi essere come lei solare sorridente magra simpatica e sempre se stessa di E. Cicconi e N. Radice

ore 11.00 per gli studenti e ore 20.45 in serale

Gaia, una quindicenne alla ricerca della propria identità e delle proprie passioni durante i pomeriggi nella sua cameretta si rifugia nel mondo di Youtube a tu per tu con la sua youtuber preferita: per lei un modello di vita. La difficoltà sarà conciliare il mondo ideale di Youtube ed il mondo reale delle sue giornate, lottando con l’ambiente familiare e con la propria sensazione di inadeguatezza.

giovedì 22 novembre “Finalmente sola” serale di P. Giglio

Dopo una rassegna esilarante di fidanzati inadeguati, una ragazza d’oggi si imbatte nell’ ultimo che lentamente la fa scivolare nell’isolamento e nella mortificazione attraverso comportamenti banali ma che sono tracce del germe della violenza. È questo l’obiettivo di Paola Giglio: mettere in guardia le donne da quei segni che precedono la violenza e che riguardano la sfera psicologica. Tra ilarità, ballo e canto, l’attrice coinvolge il pubblico in una tematica tutt’altro che leggera, ma con una energia che stimola l’affermatività, la positività e la voglia di riscatto delle donne.

lunedì 26 novembre “Un esercito di clienti” serale ore 20.45

Il meretricio, dai casini di guerra nella Prima Guerra Mondiale e dalle case chiuse, alla prostituzione di strada ed ai moderni bordelli d’Oltralpe, è rappresentato come una catena di montaggio del sesso, dove sia le prostitute che i clienti perdono la loro umanità per diventare ingranaggi di un sistema con un consistente giro d’affari.

Compagnia di Arti e Mestieri

ANDIAMO A TEATRO IN PROVINCIA

 

San Quirino - domenica 4 novembre

“Si vis pacem, mettete dei fiori nei vostri cannoni”

San Martino al Tagliamento - domenica 11 novembre

“Italia”

Pordenone Teatro Verdi - mercoledì 14 novembre ore 10.30

“1918, l’occupazione, la fuga e il ritorno”

Sacile Palazzo ragazzoni - venerdì 16 novembre ore 20.45

“Messico e nuvole”

Sacile Teatro Ruffo mercoledì 21 novembre ore 10.30

“In qualunque posto mi trovi”

Spilimbergo Palazzo Taddea - venerdì 23 novembre

“Dialogo estremo di una donna”

Sacile Teatro Ruffo venerdì 30 novembre

“La fuga e il ritorno” matinée per le scuole