La Scena delle Donne

Festival del Teatro Giovane

Sesto al Reghena - 2019

 

LA GIOVANE  SCENA DELLE DONNE
 

SESTO AL REGHENA AUDITORIUM BUROVICH 

 

PRESENTAZIONE

La GIOVANE SCENA DELLE DONNE è dedicata alle nuove generazioni di teatranti che si cimentano nella rappresentazione del mondo femminile e del rapporto fra i sessi. Il lungo cammino che le donne hanno percorso nei secoli per affermare se stesse e per conquistare diritti è un tema sufficientemente trasmesso ai/alle giovani? Forse i ragazzi e le ragazze d'oggi danno per scontata l'acquisita parità? Il femminismo per loro è solo un termine preistorico degli anni '70? Queste le domande che sottendono al festival concorso e su cui ci si interroga alla fine della piccola rassegna fra operatori di teatro e giovani protagonisti. Forse si scoprirà che le scontate affermazioni sui giovani, immemori di una lunga storia prima di loro, sono illazioni superficiali, forse anche inconsapevolmente hanno assorbito la storia e le storie e stanno elaborando qualcosa di nuovo.

 

Per la seconda edizione, il Festival La giovane Scena delle donne comprende, oltre alla visione e selezione di proposte teatrali giovanili sulla rappresentazione delle donne, anche un confronto sulla presenza e specificità femminile in campo direttivo in teatro e nella cultura. Un Festival che unisce il teatro giovane delle e per le donne e l’esperienza di artiste e operatrici, che hanno ruoli direttivi per un confronto a tutto tondo sulle donne in teatro e nella rappresentazione culturale. I sei  spettacoli  che saranno presentati a Sesto al Reghena  l’11 e 12 aprile sono stati selezionati  con un bando di concorso a cui hanno partecipato 45 compagnie ed artisti/e da tutta Italia, dimostrando attenzione e sensibilità per il mondo femminile che,   sottorappresentato nel panorama teatrale,   riscontra invece un fermento che va valorizzato. L’incontro del 13 marzo su “Giovani, teatro e donne" farà il punto su questi temi con le compagnie teatrali presenti e i/le giovani spettatori/spettatrici. A corollario ed a conclusione, il confronto nazionale su LA REGIA DELLE DONNE con artiste ed operatrici culturali rileva la consistenza, l’impegno, la forza e la ‘resilienza' delle donne che dirigono la cultura e l’arte in Italia, dove i ruoli apicali sono ancora prevalentemente maschili. Ospiti del Festival  sono anche artiste straniere dei circuiti mondiali del teatro femminile, di cui fa parte "La scena delle donne" sia con proposte formative che di spettacolo.

La GIOVANE SCENA DELLE DONNE è una sezione de "La Scena delle donne", rivolta alle giovani generazioni di teatranti che si cimentano nella rappresentazione del mondo delle donne  e del rapporto fra i sessi. L’obiettivo è suscitare l’interesse sulla rappresentazione del femminile, anche in relazione alla estrema attualità di temi che investono i generi, dalla identità sessuale, alla maternità surrogata, alla violenza sulle donne, alla mercificazione del corpo femminile, alle differenti culture femminili nei diversi paesi e continenti, alle ricerche sul matriarcato, ai rapporti fra i sessi nella diverse realtà e culture contemporanee.
Ospiti del Festival anche artiste straniere dei circuiti mondiali del teatro femminile  di cui fa parte "La Scena delle donne".

 

 
CALENDARIO DEGLI EVENTI

- Giovedì 11 aprile  Auditorium Burovich
Ore 18.00- 21.00:  presentazione di tre spettacoli del concorso

- Venerdì 12 aprile Auditorium Burovich
Ore 16.30 – 19.30: presentazione di tre  spettacoli del concorso
Ore 20.45: conferenza spettacolo "Donne e teatro una storia di esclusione" di e con Bruna Braidotti e con Bianca Manzari

- Sabato 13 aprile Barchessa dell’Auditorium Burovich
Ore 10.00 - 13.00:  Workshop “Embodied Performance" di Elisabeth Hess. Uno stage di esplorazione espressiva con il corpo, che intreccia pratiche occidentali ed orientali per investigare e scoprire, con un lavoro multidisciplinare, la propria dimensione artistica  individuale all'interno di un  gruppo di lavoro.
Ore 15.00 – 18.00: incontro  su “Teatro, giovani e donne”: un confronto con le compagnie teatrali e gli/le artisti/artiste, con gli spettatori e la giuria sulla partecipazione dei giovani a teatro e sulla rappresentazione del femminile.
Ore 18.00: Premiazione spettacolo vincitore del concorso
Ore 18.30: convegno “La regia delle donne” prima sessione – Sala Abbaziale – Abbazia Santa Maria in Silvis
Ore 20.45: Auditorium Burovich - “Così vicino al fondo" (Si près des profondeurs) mise en space del testo di Camille Davine (Francia), selezionato al Women Playwrights International 2018 di Santiago del Cile. "Così vicino al fondo" racconta l’incontro poetico tra Yemenja, una dea brasiliana del mare, un ex marinaio ed un ragazzino del Darfur (Sudan) in un viaggio drammatico attraverso il Mediterraneo. Il mito della Dea del mare, che appartiene a tutte le culture entra nella storia contemporanea dei viaggi disperati degli emigranti africani, dandocene una lettura  fra la fiaba e la cronaca.

- Domenica  14 Aprile
Ore 10.00 - 13.00: Auditorium Burovich (con eventuale estensione al pomeriggio): Convegno  nazionale  sulla regia delle donne in teatro e nella cultura
Se le drammaturghe sono sottorappresentate a teatro in tutto il mondo, le registe scontano parallelamente e forse di più il gap di genere. I ruoli direttivi e di potere decisionale appartengono ancora in maggioranza al sesso maschile. Il confronto fra le donne attive in ruoli decisionali sia in teatro che nei settori culturali vuole indagare sia le difficoltà e gli ostacoli sia le specificità e le differenze in campo artistico ed organizzativo delle donne che dirigono.

 

SESTO AL REGHENA

Sesto al Reghena è uno dei Borghi più belli d'Italia. Di origini romane, conserva le vestigia di centro altomedievale con l'Abbazia di Santa Maria in Sylivis, prestigioso monastero benedettino attorno a cui è sorto il paese. Immersa nel verde e nelle acque sorgive, la località offre molteplici attrattive turistiche, ambientali e storiche. Sesto al Reghena è anche un centro di notevoli attività culturali e da diversi anni è diventato un polo di interesse giovanile per la musica, ospitando il Festival di Sexto'nplugged.